§
Un giorno arrivò la (primavera), e con essa le pulizie primaverili. (Remus J. Lupin) ritrovò se stesso proprio (sotto il letto): o dov'era la (scatola di scarpe). §

ABOUT:
Se qualcuno vi chiedesse dove custodite i vostri tesori più preziosi, cosa rispondereste? Remus Lupin direbbe la scatola di scarpe sotto il letto. Lì dentro ci sono le foto delle persone a cui ha voluto più bene, le lettere che lo aiutavano a sentirsi meno solo quando quelle persone erano distanti, i bigliettini più significativi che si scambiavamo fra di loro per divertimento e soprattutto un diario in cui è scritto il periodo più bello della sua esistenza e di quella dei suoi amici. Se volete saperne di più, non vi resta che leggere questa storia dedicata ai Malandrini, iniziata il 26 giugno 2004, scritta e illustrata da due ragazze americane, Jaida (il suo vero nome è Hannah Jones) e Rave. La fanfiction, purtroppo, è rimasta inconclusa. L'ultimo capitolo pubblicato è stato il 26°, apparso on line il 13 Maggio del 2008.

Nel Web, lo Shoebox Project è molto famoso. Ogni capitolo conta più di 800 commenti e ci sono un sacco di fans (che si fanno chiamare "shoeboxers") e anche siti. Ve ne do alcuni:
Beneath Remus' Bed
è la fanlisting; Cult_sbp è la community dove i fan discutono della fanfiction; Shoebox Project Icons è un sito dove potete trovare principalmente icone ma ci sono anche sfondi, layout e altra grafica; infine, c'è anche la community Jukebox Project dove i fans postano le loro personali colonne sonore per la fanfiction, come questa (username è guest; password è welcome) o questa.
Qui potete trovare altri links relativi allo Shoebox.

Per quanto riguarda la traduzione dei nomi o dei luoghi, devo dire che non tutti corrispondono alla versione italiana di Harry Potter a causa delle divergenze artistiche che ho con la traduttrice ufficiale.
I soprannomi dei Malandrini non li ho tradotti e ho lasciato quelli originali perché mi piaceva di più così: quindi Lunastorta è Moony, Codaliscia è Wormtail, Felpato è Padfoot e Ramoso è Prongs. Il soprannome di Piton non è e non sarà mai tradotto come "mocciosus": qui è "pitocchio". "Mudblood" (termine dispregiativo per indicare i maghi nati da genitori babbani) non sarà tradotto "mezzosangue" creando spiacevoli incomprensioni, ma è stato tradotto "sangue marcio." La fenice di Silente non l'ho chiamata Fanny ma Fiamma. La maggior parte dei cognomi dei personaggi non li ho tradotti: ho lasciato in italiano solo Silente, Gazza, Piton, Caramel, Cooman e Lumacorno.